“Imparare insegnando” – Si chiama condivisione


Oggi vorrei trattare un argomento che mi sta particolarmente a cuore; la didattica.

Non è raro trovare annunci, locandine, videoannunci in cui si offrono lezioni di fotografia, postproduzione o qualcosa di più specifico come workshop sulla fotografia glamour, burlesque ecc ecc.

E oserei dire, puntualmente, si grida allo scandalo, soprattutto quando chi promuove queste attività, è “sulla piazza” da poco più di un anno e quindi, presumibilmente, con poca esperienza.

Solitamente, a gridare allo scandalo, sono i fotografi professionisti che con la loro esperienza più che decennale, si sentono in qualche modo “offesi” o “messi da parte” da queste nuove “leve”.

Inizialmente, non lo posso nascondere, mi sentico di dover supportare quest’ultimi ma, pensandoci bene e osservando la situazione in modo più ampio (così come dovremmo fare sempre…) la mia posizione in merito è cambiata. Vi spiego il perchè, magari può essere uno stimolo a far riflettere anche voi sull’argomento e rivedere le vostre “posizioni” se fosse necessario.

Anch’io come molti ho iniziato frequentando workshop, seminari, modelsharing e chi più ne ha più ne metta…e tranne rarissimi casi (credo solo UNO su oltre una decina….) hanno portato tutti alla stessa conclusione; tornare a casa con una manciata di biglietti da visita, tanti nuovi contatti, una sfilza di richieste di amicizia su facebook e schede di memoria piene delle stesse identiche foto degli altri 15-20 partecipanti,…..stop, null’altro. Per quanto possa essere minima la spesa….il gioco non vale mai la candela, secondo me. In realtà tutto sarebbe molto bello, ambiente conviviale, ludico, sociale ecc ma siamo ad un workshop e quindi l’obiettivo da parte nostra dovrebbe essere quello di apprendere mentre l’obiettivo del nostro master dovrebbe essere quello di insegnarci qualcosa, di trasmettere la sua esperienza senza riserve. Purtroppo non capita spesso. Non è forse così?

A questo punto ci sarebbe da chiedersi: perchè coloro che sanno non trasmettono?

Le risposte alle quali son giunto io sono varie e comunque non è detto che siano reali, sono mie conclusioni appunto, non me ne voglia nessuno.

Soprattutto recentemente, i fotografi professionisti vedono minare il proprio settore, il proprio business dai nuovi “arrivi di stagione” e automaticamente vanno in modalità “protezione”. Vi è mai capitato di assistere magari anche in prima persona a discussioni in cui si percepiva una effettiva difficoltà da una delle parti nel condividere un contatto, il nome di una modella, la prassi da seguire per poter contattare i gestori di una location, il nome o il numero di telefono della stylist… A me è capitato spesso sia in prima persona e anche con fotografi diciamo…di un certo livello.

Immaginiamo di “congelare” il livello di conoscenza che vi è attualmente in giro tra i fotografi (ma la stessa cosa si può fare immaginando tutte le arti e mestieri del mondo…). Annulliamo la possibilità di condividere con gli altri ciò che è a nostra conoscenza (giusto o sbagliato che sia, ….ovviamente). Il risultato? Assenza totale di progresso…di evoluzione, di crescita, di sperimentazione. Davvero molto triste.

Perciò…..per quanto mi possa sforzare, non arriverò mai a capire, o meglio, non arriverò a comprendere e giustificare simili atteggiamenti. Quindi….cosa spinge un fotografo a tenersi le cose per se?

Questo secondo me un piccolo elenco delle principali motivazioni:

a.   paura che perda il contatto

b.   paura che ci faccia una “brutta figura”

c.   paura che facciate un lavoro qualitativamente superiore al suo

d.   tirarsela

e.   a+b+c+d= insicurezza delel proprie capacità professionali e di comunicazione

Purtroppo questo atteggiamento si riflette spesso anche nelle conoscenze tecniche e i motivi sono sempre gli stessi.

Quindi, che motivo hanno di gridare allo scandalo se un tizio qualsiasi, dopo un anno di esperienza fotografica, si vuol cimentare nel condividere con altri la sua conoscenza (piccola o grande che sia). Perchè non condividono REALMENTE il loro bagaglio di esperienza? E poi, sarà che chiunque è libero di decidere come e dove spendere i proprio soldi? Fanno una scelta. Inoltre sono sicuro che molti di questi “nuovi arrivi” sono meno presuntuosi di quel che possono sembrare e magari anche più inclini alla condivisione.

Personalmente, se dovessi investire 300€ in formazione mi sentirei più tranquillo ad investirli facendo una lezione con qualcuno che miha dimostrato di credere nella condivisione piuttosto di spendere 300€+il mio tempo per far fare cassa ad un professionista insicuro.

Inoltre non bisogna sottovalutare l’utilità della situazione anche nel caso di neo-master e allievi in cui il livello di condivisione è al massimo, o quasi in quanto si viene a creare una osmosi tra le due parti in cui non c’è più il docente e il discente ma entrambi assolvono le due parti. quello chein realtà dovrebbe avvenire in tutte quelle occasioni in cui un Master ha degli Allievi di fronte a se.

In definitiva, non sono contrario a coloro che vogliono cimentarsi nell’insegnamento, purchè sia fatto con il desiderio di condividere ciò che si sa…..nel bene  e nel male. Sta poi ad ognuno di noi mettere in pratica gli insegnamenti e trarre le proprie conclusioni se non addirittura nuove teorie.

Spesso si sente dire un proverbio “chi sa fa, chi non sa insegna…”

Niente di più sbagliato soprattutto oggi in cui chi sa decide di tenere per se ciò che qualcuno, un tempo, a trasmesso a loro…in qualche modo….


Commenti (2)

  1. Anna

    Trovo interessante il discorso e ci ho pensato anch’io nel passato.
    Credo che la risposta sia abbastanza semplice. Non credono di guadagnare abbastanza dal detto workshop o seminario per divulgare tutto i proprio “sapere”. Inoltre spesso non c’e abbastanza tempo per spiegare tutto per non parlare dei partecipanti che sono spesso di livello vario ed hanno bisogno di insegnamenti adatti al loro specifico livello.

    Rispondi
    • admin_wp

      Anna, tutto molto vero ciò che dici. Tuttavia la soluzione è semplice, se si vuole. Basta pianificare ed organizzare l’attività didattica adeguatamente. Quando si vuol realizzare un workshop si deve scegliere un argomento specifico e trattare solo quello. Allo stesso tempo si deve stabilire CHI dovranno essere coloro che ne dovranno usufruire. Per questo esistono corsi di qualsiasi livello e corsi specifici su determinate tipologie fotografiche. Insomma, la soluzione c’è….bisogna solo attuarle (se si vuole…) 🙂

      Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CAUTION

This page contains nudity

Despite having an artistic value, depicting the adult human body naked.
If you are under the legal age to view this kind of material or if nudity offends you please do not enter.

All models depicted in this website were at least 18 years old at the time of shooting.

If you enter you shall accept the conditions and declare that:
  1. I do not consider offensive nude pictures of adults
  2. I have at least 18 years
  3. By agreeing to enter I declare that it will accept the vision of this material and I will not pursuing by law the owner of the website, the creators and service providers with any and all direct and indirect liabilities which may arise

ENTERLEAVE